Azioni Intesa: andamento 2020 e previsioni future

Piccola battuta d’arresto per le azioni Intesa che chiudono in rosso la sessione odierna. Il titolo perde -1,35% e si attesta a 1,78 euro per azione. A quanto pare sembra essersi stabilizzato (nonostante l’attuale trend negativo) su un range di prezzo compreso tra 1,75 e 1,85 euro per azione.

C’è da dire però che ci aspettavamo di meglio, soprattutto dopo il grande successo dell’Ops (Offerta di Pubblico Scambio) lanciata su Ubi Banca.

Ebbene, le adesioni degli azionisti del gruppo di Victor Massiah (ormai dimessosi dall’incarico di CEO) hanno raggiunto quota 90,21%. E Ubi Banca è passata sotto il controllo di Intesa San Paolo.

Cosa che però non è servita alle azioni Intesa per recuperare il terreno perso nei mesi scorsi. Ricordiamo infatti che nella seconda metà di Febbraio il titolo viaggiava sui 2,60 euro per azione.

Azioni Intesa: andamento di mercato

Come già anticipato, le azioni Intesa non hanno beneficiato in maniera esagerata alla chiusura delle contrattazioni per l’Ops su Ubi Banca.

Infatti nel periodo pre-Covid, le azioni Intesa viaggiavano ampiamente sopra i 2 euro per azione, i massimi dell’anno sono stati toccati il 19 Febbraio con una quotazione pari a 2,60 euro. Poi giù a picco.

L’emergenza sanitaria ha scombussolato l’intero settore e Intesa San Paolo ha perso quasi il 50% del proprio valore. Scendendo così fino a 1,40 euro per azione (13 Marzo 2020), e riuscendo a fare anche di peggio nei primi giorni del mese di Aprile. (1,32-1,33 euro).

Poi l’Ops andata a buon fine sembrava essere un buon motivo per la ripresa e che potesse spingere il titolo ai livelli pre-Covid.

Ma così non è stato, anzi dopo la comunicazione dell’avvenuta “vittoria” su Ubi Banca, le azioni Intesa hanno addirittura perso qualche punto percentuale.

Previsioni future

Prevediamo comunque un roseo futuro per le azioni Intesa. L’istituto di credito piemontese è pur sempre il primo in Italia, sia per grandezza che per asset in gestione.

Ed ora che una realtà come Ubi Banca (quarto gruppo bancario italiano prima dell’Ops) ha unito le forze con Intesa, il nuovo super-gruppo bancario italiano darà filo da torcere anche ai più grandi gruppi europei come HSBC, BNP e Crédit Agricole.

Molto probabilmente la risalita delle azioni Intesa è molto vicina, azzardiamo che nel giro di qualche mese (prima della fine dell’anno), il titolo possa superare i massimi dell’anno. E sfondare quindi il muro dei 2,60 euro per azione.

(Visited 8 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *