Diamanti Rosa: Tipologie, Valore, Miniere

I diamanti rosa sono meno rari degli esemplari rossi, arancioni, viola, blu e verdi. Il loro caratteristico colore è dovuto ad un fenomeno naturale, ovvero una pressione straordinaria tale da provocare la torsione nel reticolo cristallino, con conseguente rifrazione della luce e produzione di colore. Si tratta comunque di pietre molto rare, rappresentando in definitiva una notevole occasione d’investimento. Andiamo quindi a conoscere meglio i diamanti rosa e ciò che contribuisce a renderli effettivamente straordinari.

Diamanti rosa: tipologie

Le tipologie in cui possono essere suddivisi i diamanti rosa sono le seguenti:

  • Pink Fancy Light, caratterizzati dal rosa chiaro;
  • Pink Fancy, con un rosa nitido;
  • Pink Fancy Intense, in cui il rosa intenso si sposa a toni di lilla;
  • Pink Fancy Vivid, che presenta un rosa molto intenso con sfumature porpora.

Pink Star

Il più grande diamante rosa fancy vivid sinora conosciuto è il Pink Star, una pietra che vanta 59.60 carati, per produrre la quale sono stati necessari due anni di lavoro dei gemmologi della Steinmez Diamond Group. Il taglio è stato realizzato usando come base un grezzo di 132.5 carati estratto in Botswana nel 1999.

Battuto all’asta da Sotheby’s, a Ginevra, nel 2013 venne acquistato per 83 milioni di dollari. Una cifra record non saldata dal compratore, obbligando quindi ad una seconda sessione di vendita nel 2017, stavolta a Hong Kong. Nell’occasione l’aggiudicazione avvenne nell’arco di appena 5 minuti, a “soli” 71,2 milioni di dollari, stavolta però regolarmente versati.

Se si tratta del record in termini di valore assoluto, per quanto riguarda quello al carato il discorso è diverso. In questo caso, infatti, il Pink Star deve lasciare il passo al Pink Legacy e al Pink Promise, venduti rispettivamente a 2.65 milioni e a 2.13 milioni di dollari per carato. Prezzi da capogiro che fanno capire il valore di mercato dei diamanti rosa.

Graff Pink

Altro rappresentante di spicco dei diamanti rosa è poi il Graff Pink, altro magnifico fancy vivid che può vantare 23.88 carati, con taglio a smeraldo. Il nome è dovuto al fatto che ad aggiudicarselo nel 2010 è stato il noto gioielliere Laurence Graff , versando in contropartita ben 46 milioni di dollari.

La pietra aggiudicata nell’occasione era caratterizzata da 24,78 carati. Un dato poi ridotto a quello attuale per effetto di un taglio effettuato con il preciso intento di ottenere un miglioramento del colore tale da portarlo dal grado fancy intense a quello fancy vivid, e della purezza, portata da VVS2 a IF, ovvero il massimo previsto. Una scommessa vincente da cui si è originato quello che oggi è famoso come Graff Pink.

Dove si trovano, miniere, estrazione

Il 90% circa dei diamanti rosa era estratto nella miniera di Argyle, posizionata a Rio Tinto, nell’Australia occidentale. Giacimento che ha chiuso i battenti nel novembre del 2020, dopo 37 anni di attività. Il restante arriva da Brasile, Russia e Sudafrica.

Proprio per quanto riguarda i diamanti rosa di Argyle occorre ricordare come dopo l’estrazione fossero sottoposti ad asta. Procedimenti di carattere annuale cui potevano partecipare circa un centinaio di possibili acquirenti, a porte chiuse. La rimanenza era poi acquistata dai soci della società che gestiva la miniera.

Valore e previsioni diamanti rosa

La chiusura della miniera di Argyle è un dato di fatto importantissimo per i diamanti rosa. Come già accade per l’oro o le Terre Rare, la rarità che ne consegue va a riflettersi sulla loro quotazione, facendola impennare.

Secondo gli esperti, infatti, Russia, Brasile e Sudafrica terranno conto del fatto che il 90% della produzione di diamanti rosa ora non c’è più. La previsione è che alzeranno oltre modo un prezzo che, del resto, ha già corso a grandi ritmi nei decenni passati. Si calcola infatti che i prezzi di queste pietre preziose siano aumentati del 500% dall’inizio del millennio. Una dinamica al rialzo che è ancora più accentuata dall’inizio della pandemia, con un 116% tale da far impallidire il dato dei concorrenti. I diamanti blu e gialli, infatti hanno aumentato il loro prezzo nello stesso arco temporale rispettivamente dell’81% e del 21%.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

No votes so far! Be the first to rate this post.

Dario Marchetti

Dario Marchetti

Blockchain Expert & Crypto-Specialist. Laureato in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma, scrivo per RomaFinanza su argomenti di crypto-economy, blockchain, NFT, materie prime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!